Gli ufo esistono, le prove sono nei dipinti!

La Madonna con il bambino e san Giovannino

Pensavo che questa storia fosse stata obliata per sempre, che gli ufologi si fossero arresi e avessero mirato ad altro, per le loro strambe ricerche. Ma, evidentemente, la determinazione di costoro è ben più alta del numero di libri d’arte in commercio.

Questo articolo è dedicato a chi ancora crede a questa simpatica narrazione.

Prendiamo in esame un dipinto, uno dei più famosi tra gli ambienti dei ricercatori di ufo: “La Madonna con il bambino e san Giovannino” di dubbia attribuzione (l’opera all’inizio dell’articolo).

Secondo i nostri amici ufologi, quell’oggetto non ben identificato (secondo loro) sarebbe un vero e proprio ufo, con tanto di lucine e testimone (osservate la figura in basso a destra). Mi dispiace deludere le aspettative, ma non è altro che una “nube luminosa”; dobbiamo ricordarci che a quel tempo, XV – XVI secolo, chi faceva arte sacra non era libero di aggiungere elementi per proprio gusto, ma doveva seguire dei motivi ricorrenti (vedasi, ad esempio, il giglio nelle rappresentazioni dell’Arcangelo Gabriele). La nube luminosa, infatti, la rivediamo in tanti dipinti simili. Il suo significato è trascendentale, la nube rappresenta la manifestazione del divino, prova della presenza di Dio alle spalle di Maria e dei due bimbi (in questo caso). Anche il pastore che assiste al “miracolo” è ricorrente, serve a testimoniare quello che sta accadendo.

Un altro dipinto, prova inconfutabile della presenza degli extraterresti nell’arte rinascimentale, è “Il miracolo della neve” di Tommaso di Cristoforo Fini, noto come Masolino da Panicale, che potrete osservare nel suo splendore qui di seguito:

Miracolo delle neve

Quelle nubi, ad un occhio moderno e ignorante, potrebbero sembrare degli ufo è vero, ma ancora una volta, non è così. Quest’opera fu commissionato da papa Martino V, per commemorare il miracolo avvenuto nell’Agosto del 352 d.C. La leggenda (tratta dal Liber epilogorum in gesta sanctorum, XIII secolo, di frate Bartolomeo da Trento) narra che in quel mese estivo, cadde della neve; l’accaduto fu ritenuto miracoloso, quindi avvenuto per mano di Dio; non è un caso che sopra le nubi, nel dipinto, ci sia Cristo insieme ad altre figure celesti; no non sono alieni nelle loro navicelle.

Potremmo prendere in analisi tanti altri dipinti, ma sarebbe inutile, la storia è sempre la stessa, gente che non possiede nemmeno le basi di storia dell’arte, studia delle opere che non conosce.

Adesso è d’obbligo fare alcune considerazioni.

Come abbiamo visto, “Il miracolo della neve” è accompagnato da fonti scritte, testimoni dell’accaduto eccezionale (seppur misto alla leggenda). Questo dimostra che presso gli antichi era solito riportare gli eventi che consideravano fuori dal comune; è mai possibile che gli alieni abbiano bazzicato nei cieli europei con le loro astronavi luminose e nessuno abbia mai scritto nulla al riguardo? Impossibile.

Sembra che i cultori di queste idiozie, ritengano gli antichi dei perfetti idioti, incapaci di comprendere un fenomeno straordinario, di capacitarsene e di scriverne a riguardo; purtroppo per le loro strambe teorie, non è così. Il concetto di “storia” e “storiografia” è già presente presso i greci; anche a Roma, i pontifex, redigevano i così detti “annales”, in cui riportavano gli accaduti più rilevanti, anno per anno.

L’aspetto più grave di questa storia è un altro; non si analizza l’antichità con gli occhi di un moderno. Quando si studia il passato, bisogna calarsi totalmente in quelle epoche, comprenderne i modi di pensare e di fare di una certa comunità. Se gli ufologi avessero studiato, non le avrebbero sparate così grosse.

Vi lascio con una frase di Confucio, a parer mio, calzante con l’argomento di cui ho parlato:

Studiare senza riflettere è inutile, riflettere senza studiare è pericoloso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...