Operisti di Puglia

Teatro Umberto Giordano, Foggia, Puglia

Questo articolo è diretto a chiunque abbia voglia di conoscere qualcosa sugli operisti di Puglia, ma soprattutto a quei pugliesi sempre pronti ad affermare che dalla nostra regione non sia mai uscito nulla di buono e mai accadrà. Ricredetevi.

Non molti sanno che il tacco dello stivale, nel corso dei secoli, generò il più alto numero di operisti, tra le regioni d’Italia. Grandi musicisti capaci di emozionare e stupire l’uditorio, in grado di farsi strada tra i professionisti e cultori del genere, in tutta Europa.

Un esempio è il grande Umberto Giordano, nato il 28 Agosto 1867 a Foggia, autore delle opere “Andrea Chénier” e “Fedora”, lavori tutt’ora rappresentati. Le sue opere si rifanno al verismo e lavorò soprattutto a Milano, città dove morì e dove ancora riposa, nel cimitero monumentale.

E Luigi Rossi? Nato a Torremaggiore (Foggia) nel 1597; un vero bambino prodigio, data la sua abilità e bravura nel suonare il liuto, il cembalo, l’organo, nel canto e nella composizione musicale. Rappresentò i propri lavori a Roma e a Parigi, dove mise in scena l’opera “Orfeo”.

Francesco De Matteo nacque a Deliceto (Foggia) nel 1877 e studiò a Napoli.Compose la sua prima opera, “Dramma eterno”, che fu un successo già alla prima rappresentazione. Purtroppo, la morte se lo prese all’età di ventidue anni e non gli permise di compiere il suo destino di grande autore e musicista.

Tommaso Traetta nacque a Bitonto (Bari) il 30 Marzo del 1727; fu un celebre compositore della scuola napoletana. Mostrò il suo genio a Napoli, a Roma, a Parma, in Russia, a Londra. Uno dei lavori più celebri fu il Farnace.

Niccolò Piccinni nacque il 16 Gennaio 1728 a Bari; il suo lavoro fu determinante ai fini dello sviluppo dell’opera buffa, un genere operistico nato a Napoli, a cui contribuirono artisti come Mozart. Divenne famoso in tutta Italia e soprattutto in Francia, dove si creò un folto seguito di estimatori, i “piccinisti”. Tutte le sue opere furono un successo.

Vi avevo avvisato, ne sono tanti; Saverio Mercadante nacque ad Altamura nel 1795. Fu un autore prolifico; ben oltre sessanta opere teatrali. Arrivò in Spagna, Portogallo, Vienna, Parigi e Napoli.

Giovanni Paisiello, originario di Taranto, classe 1740, fu uno dei più influenti e importanti compositori del classicismo. Studiò a Napoli ma debuttò in Emilia, a Modena con l’opera buffa “La moglie in calzoni”. Non si limitò al Bel Paese, ma arrivò in Russia, a Parigi e a Vienna. Mozart in persone assistette a delle opere del Paisiello e prese spunto per Le Nozze di Figaro e il Don Giovanni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...